Marconi: ecco il nuovo supercomputer (italiano) del Cineca

150325_lenovo-379

Inizierà a metà aprile l’installazione del nuovo supercomputer italiano per la ricerca, un sistema co-disegnato dal Cineca sulla piattaforma NeXtScale di Lenovo. Il nuovo supercomputer sarà equipaggiato con la famiglia di processori Intel Xeon di prossima generazione, per garantire alla comunità scientifica un sistema con elevata potenza di calcolo, tecnologicamente all’avanguardia e in grado di contenere l’assorbimento di energia elettrica.

150325_lenovo-476Questa realizzazione rappresenta la prima fase del piano di sviluppo dell’infrastruttura di supercalcolo italiana a supporto della ricerca deliberata dagli organi di governo del Cineca. Il piano complessivo prevede un investimento di 50 Milioni di Euro in due fasi: la prima, appena avviata, metterà a disposizione della comunità scientifica una potenza di calcolo pari a circa 20 Pflop/s e una capacità di memorizzazione dati di oltre 20 PetaByte, la cui messa in produzione si completerà nella seconda metà del 2017. La seconda fase inizierà nel corso del 2019 e avrà come obiettivo l’incremento della potenza disponibile fino a raggiungere i 50/60 Pflop/s entro l’anno 2020.

Con questo piano il Cineca riconferma la propria missione istituzionale di infrastruttura digitale di eccellenza per il calcolo e i Big Data a disposizione della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica”, ha dichiarato Emilio Ferrari, presidente del Cineca.

Il nuovo sistema, nome logico “MARCONI”, sarà progressivamente completato in poco più di 12 mesi, tra aprile 2016 e luglio 2017, secondo un piano di aggiornamenti successivi:

  • a giugno entrerà in produzione un sistema preliminare progettato per raggiungere una potenza di calcolo di 2 Pflop/s;
  • entro la fine dell’anno si aggiungerà una partizione equipaggiata con microprocessori di nuova generazione Intel Xeon Phi, per una configurazione complessiva di circa 250 mila core con una potenza di calcolo prevista dell’ordine di circa 13 Pflop/s;
  • Infine, nel corso del 2017, l’installazione sarà completata con processori di nuova generazione Intel® Xeon™ e raggiungerà una potenza computazionale complessiva di circa 20 Pflop/s.

Il supercomputer sfrutta la nuova architettura Intel Omni-Path, che offre interconnessione ad alte prestazioni per consentire la scalabilità efficiente delle migliaia di server del sistema. Un sottosistema storage a elevate prestazioni Lenovo GSS, che integra il filesystem IBM Spectrum Scale (GPFS), fornisce la capacità di memorizzazione dati.

150325_lenovo-447Mettendo a disposizione i più potenti sistemi di supercalcolo consentiremo ai ricercatori di affrontare le grandi sfide scientifiche e socioeconomiche del nostro tempo, dalla medicina di precisione al cambiamento climatico, dalla fisica fondamentale ai nuovi materiali. Supercalcolo e Big Data analitycs sono strumenti indispensabili per la scienza computazionale e data driven della ricerca nazionale e internazionale“, ha dichiarato Sanzio Bassini, direttore del Dipartimento Supercalcolo e Innovazione del Cineca.

Lo sviluppo progressivo del sistema Marconi permetterà di utilizzare la tecnologia dei microprocessori allo stato dell’arte, offrendo un sistema di elevatissima potenza ma dall’anima “green”. Uno dei parametri del progetto concepito dallo staff del Cineca, infatti, è di incrementare progressivamente la potenza computazionale fino a 50 Pflop/s senza superare, in nessuna delle fasi, il limite di 3 MWatt di assorbimento elettrico.

150325_lenovo-430Non possiamo che essere orgogliosi, sia come azienda sia come team italiano, di essere stati scelti da Cineca per un sistema di enorme rilevanza scientifica nazionale e internazionale” ha dichiarato Mirko Poggi, Amministratore Delegato di Lenovo Italia. “Riteniamo questa realizzazione particolarmente importante per riconfermare l’impegno di Lenovo come fornitore di soluzioni innovative per i Data Center” ha affermato Alessandro De Bartolo, Country Leader del Data Center Group (DCG), Lenovo Italia.

Siamo entusiasti di offrire i vantaggi di Intel® Scalable System Framework alla comunità del Cineca, costituita da ricercatori e data scientist d’eccellenza. L’architettura offre un design bilanciato necessario per affrontare le sfide estreme poste sia dall’High Performance Computing che dall’analisi dei big data”, ha dichiarato Carmine Stragapede, direttore Generale di Intel Italia.

Tags :Sources :Comunicato stampa Cineca