Apple chiude un accordo milionario con i proprietari del brevetto di Siri

ios-9-siri-640x360

Non siamo sicuri che vi ricordiate di questo caso, ma nel 2012 Apple è finita in guai legali per via del suo assistente vocale Siri. Un'azienda chiamata Dymanic Advances accusò Apple di avere violato uno dei suoi brevetti con Siri e l'azienda di Cupertino ha dovuto far fronte alla causa per i quattro anni successivi.

Tuttavia, Apple ne ha avuto abbastanza di questa storia, o forse ha capito che c’era la possibilità che perdesse la causa perché secondo alcune fonti, Apple raggiungerà un accordo con Dynamic Advances per circa 25 milioni di dollari, 24,9 per essere precisi. Il brevetto in questione è stato descritto come “un’interfaccia per il linguaggio naturale che usa un dizionario intermedio limitato di risultati”.
Era stato brevettato da un professore del Rensselaer Polytechnic Institute, quindi metà della cifra dell’accordo andrà al professore. Il brevetto era stato presentato quattro anni prima che Apple presentasse Siri. Di contro, la causa non intaccherà Apple né Siri. Come parte dell’accordo, infatti, Apple avrà una licenza per continuare ad usare il so assistente vocale. Inoltre non saranno più soggetti ad altre cause per questo brevetto per almeno tre anni. Se un’altra azienda dovesse avanzare pretese sul software, chiaramente, ci sarà un altro procedimento, un’altra causa e (forse) un altro accordo multimilionario.

Tags :Sources :ubergizmo usa