Getty Images attacca Google: “Promuove la pirateria”

google-play-store-cina

Quante volte, organizzando un viaggio, vi siete chiesti cosa ci sia da vedere in una certa località? Di solito si digita il nome del posto su Google e si fa una veloce ricerca, non solo tra i link, ma anche tra le immagini. Una cosa molto comoda per avere un'idea di quello che ci possiamo aspettare dal nostro viaggio.

Sfortunatamente, non tutti sono dei fan di Google Immagini e Getty Images ha recentemente accusato l’azienda di “promuovere la pirateria” proprio tramite la funzione di ricerca per immagini. Secondo Getty Images il problema sta nel fatto che Google immagini ora permette di vedere le foto ad alta risoluzione, mentre fino a qualche tempo fa, le foto erano visibili solo in bassa risoluzione, il che costringeva gli utenti a visitare il sito che aveva pubblicato la foto per vederla nella dimensioni reali.

Getty Images dichiara che a causa di questo, ci sono poche ragioni per cui un utente vada sul sito per cercare le immagini. Yoko Miyashita, consigliere generale di Getty, ha dichiarato: “Getty Images rappresenta più di 200 mila fotogiornalisti, creatori di contenuti e artisti di tutto il mondo che si fidano di noi per proteggere la loro possibilità di essere ricompensati per il lavoro che fanno. Il comportamento di Google lede non solo i nostri collaboratori, ma anche le vite e il sostentamento di artisti di tutto il mondo, nel presente e per il futuro”.
Parlando con il TIME, Miyashita ha aggiunto: “Vogliamo che Google torni ad essere un motore di ricerca e non un sostituto degli editori”. L’azienda ha anche lanciato una petizione e sta incoraggiando giornalisti e fotografi ad unirsi alla protesta. Voi cosa ne pensate? Davvero Google Immagini “promuove la pirateria” come sostiene Getty Images?

Tags :Sources :ubergizmo usa