L’India dice no ad Apple e agli iPhone ricondizionati

iphone_se_touch_id-640x411

Secondo una notizia circolata oggi, il governo indiano ha negato ad Apple l'autorizzazione a vendere iPhone nel paese. L'azienda voleva importare iPhone ricondizionati in India da vendere a prezzi ridotti. Era sicuramente una mossa strategica da parte di Cupertino per inserirsi in un mercato in cui i produttori di telefoni fanno molta attenzione ai prezzi dei dispositivi che mettono in commercio.

Il mercato dei telefoni usati è molto forte nel mercato emergente come quello dell’India. Le persone che devono acquistare il loro primo smartphone tengono in considerazione la possibilità di comprare un telefono di alta gamma usato, se rientra nel loro budget.
Gli utenti comprerebbero con più tranquillità uno smartphone ricondizionato e certificato da Apple, se fosse disponibile sul mercato. Sarebbero stati in vendita ad un prezzo decisamente ragionevole se paragonato al costo di un telefono dello stesso modello nuovo.
Le precedenti richieste di Apple di importare iPhone ricondizionati in India sono state bocciate dal ministero dell’ambiente. Questa volta, il no è arrivato dal ministero delle telecomunicazioni.
I produttori locali di smartphone come Micromax e Intex si sono opposti fermamente a questa possibilità perché per loro rappresenterebbe una concorrenza più forte rispetto ai loro dispositivi Android che al momento spadroneggiano incontrastati.

Tags :Sources :ubergizmo usa