Google utilizza romanzi rosa per rendere la sua intelligenza artificiale più loquace

google-android-mascot

Se c'è una cosa che adoriamo dell'assistente vocale di Google è che sembra (quasi) di parlare con una persona reale. Questo grazia alla capacità della piattaforma di comprendere il testo della conversazione e rispondere all'utente in maniera adeguata.

Tuttavia la domanda é: come ha fatto Google ha sviluppare un’AI tanto “loquace”? Beh, abbiamo scoperto che una parte della ‘ricetta’ segreta è costituita da romanzi rosa! Infatti, secondo una notizia di BuzzFeed News, Mountain View ha rivelato quali pubblicazioni sono state ‘inserite’ nell’intelligenza artificiale. Si tratta di ben 2865 romanzi rosa.

Ma perché la società ha scelto questo particolare tipo di romanzi? Perché l’azienda non ha scelto scritti più complessi come poesia o letteratura classica? Secondo Andrew Dai, l’ingegnere del software di Google che ha guidato il progetto, i romanzi rosa tendono a svilupparsi nello stesso modo, il che significa che l’AI di Google è in grado di confrontare meglio le frasi al fine di ottenere una migliore comprensione della lingua.

Dai ha inoltre aggiunto che, in teoria, sulla base dei romanzi scelti, l’AI del vendor potrebbe essere in grado di produrre un romanzo a sé stante! Dunque attenti scrittori in erba, presto potreste confrontarvi con un avversario che appare davvero temibile!

 

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA