SMS al volante?! Indeboliscono il vostro “sesto senso”!

texting-driving-1-640x360

Tutti sappiamo che mandare SMS mentre mentre si è intenti a guidare è un'azione da evitare, a prescindere dalla situazione. Questa pratica può provocare incidenti, anche mortali, ma le persone non sembrano essersi ancora convinte. Ora può apparire spontaneo mettere sullo stesso piano la composizione degli sms e l'uso del cellulare senza auricolare, definendole "distrazioni", ma a quanto pare tra queste pratiche vi è una differenza.

Secondo un recente studio condotto dall’Università di Houston, sembra che mandare sms indebolisca il vostro “sesto senso“. A quanto pare il cosiddetto sesto senso ci aiuta a contrastare le distrazioni mentali, potrebbe quindi essere definito come “istinto”. Questa tesi è stata provata tramite un test durante il quale le cavie hanno percorso un tratto simulato di una strada per 4 volte, la prima senza alcun tipo di distrazione, e le successive con delle distrazioni.

La prima distrazione è stata una sfida cognitiva, la seconda una emotiva, e la terza un sms. È interessante notare che, in base ai dati raccolti, comporre messaggi di testo mentre si guida è risultata la situazione maggiormente distraente per gli automobilisti. Ma perché? Secondo il co-leader della ricerca Ioannis Pavlidis, “l’ACC [corteccia cingolata anteriore] è noto per intervenire automaticamente, come una sorte di correttore di errori, in caso di conflitto. È stato dimostrato come la pratica del texting al volante aumenti lo stress fisiologico, incanalando l’energia nelle braccia dell’utente, con conseguente gestione nervosa del volante“.

Pavlidis suggerisce che anche se siamo arrabbiati o in qualche modo distratti, la nostra coordinazione occhio-mano non ne risente. Tuttavia questa coordinazione viene a mancare quando tentiamo di raggiungere i nostri telefoni o componiamo sms mentre siamo al volante. Insomma, tutti sapevamo che si trattava di una pratica pericolosa, ma ora sappiamo il perché.

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA