Capcom: ritardare la release di un videogame? Sì, se si tratta di migliorarne la qualità

street-fighter-v-640x360-capcom

Il lancio di Street fighter V non è stato probabilmente il miglior lancio di un videogame nella storia, ma neanche il peggiore! Ad ogni modo è indubbio che l'ultimo capitolo della saga a lasciato parecchi gamer con l'amaro in bocca. Proprio per questo motivo Capcom ha recentemente ammesso di essere incappata in qualche disguido.

La buona notizia è che la società ha recentemente delineato alcuni piani per garantire che i titoli futuri dell’azienda non incappino in problemi. Uno di questi metodi, già utilizzato con successo da parecchi sviluppatori, è quello di ritardare un titolo finché quest’ultimo non raggiunto un ottimo livello di qualità e “completezza”.

Kenzo Tsujimoto, CEO di Capcom, ha dichiarato nel corso di un Q&A: “Per i giochi siano un successo a livello globale è necessario che questi raggiungano un livello di qualità eccellente. A tal fine, per garantire il videogame migliore possibile, l’azienda non disdegna di ritardare i videogame che non hanno ancora raggiunto lo sviluppo necessario“.

Il CEO ha inoltre aggiunto che il vendor ha bisogno di iniziare a concentrarsi meno su saldi e scadenze, per concentrarsi sulla soddisfazione degli utenti. “Piuttosto che focalizzarci sulle scadenze preferiamo favorire la ricerca di una qualità che non deluda le aspettative dei gamer. La nostra priorità è la completezza, e quest’ultima richiede spesso revisioni  e modifiche di programmazione“. Speriamo che questo principio venga applicato anche al Resident Evil 7 di prossima uscita.

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA