AT&T utilizzerà dei droni per migliorare la qualità del suo netwrk

att-outside-logo-sign

Se avete mai utilizzato il provider AT&T saprete di certo che la qualità della rete potrebbe essere decisamente migliorata. La buona notizia è che la società ha ammesso che la copertura può essere implementata, e ha studiato una metodica decisamente originale per portare a termine questo compito.

Il vettore ha recentemente annunciato che saranno utilizzati dei droni per contribuire a migliorare la qualità della rete. Al momento AT&T utilizza già alcuni droni come strumenti di controllo per le loro torri fornite di ripetitori. Tuttavia l’azienda ha messo a punto l’idea di utilizzare i droni come una vera e propria estensione delle “torri cellulari”, per aiutare a migliorare la qualità della rete.

Secondo l’azienda, “il collegamento di alcuni drone alla nostra rete LTE a livello nazionale ci permette di acquisire dati direttamente dai nostri sistemi. A sua volta, questo consentirebbe di apportare dei cambiamenti al nostro network in tempo reale. Utilizzando dei droni per ispezionare una cella, siamo in grado di effettuare ispezioni in modo rapido e sicuro- accedendo anche a delle parti non accessibili da parte di un essere umano. Prevediamo che tutto ciò ci permetterà di migliorare l’esperienza dei nostri clienti, migliorando la qualità della rete per cellulari in maniera estremamente rapida.

Si è inoltre pensato di utilizzare i droni per fornire una copertura LTE aggiuntiva durante grandi eventi, o per supportare le comunicazioni in caso di catastrofi e disastri, fornendo strumenti di comunicazione per il personale d’emergenza. Detto questo, come ben sapete, la durata della batteria di un drone è alquanto limitata, il che significa che non si tratta di una soluzione a lungo termine.

RICERCA – Chi trarrà maggiore beneficio dall’Internet of Things?Prendi parte alla nostra ricerca, dicendoci chi otterrà secondo te i maggiori benefici dall’IoT. Bastano pochi minuti: clicca qui. Per ringraziarti ti invieremo una sintesi dei risultati.

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA