Honda svela il motore ibrido assemblato senza utilizzare metalli rari

A unit for the i-DCD drive motor, the world's first electric motor for hybrid cars that uses no heavy rare earth metals, jointly developed by Honda Motor Co. and Daido Steel Co., is displayed at an unveiling in Tokyo, Japan, July 12, 2016. REUTERS/Issei Kato

Se state cercando di aiutare il pianeta optando per un'automobile ibrida o elettrica vi state certamente muovendo nella giusta direzione. Ad ogni modo, anche scegliendo una vettura completamente elettrica, bisogna tenere conto che il motore, essendo realizzato in metallo, ha comunque un impatto ambientale in quanto ha richiesto l'uso di rari metalli.

Circa dieci anni fa, Honda ha promesso che avrebbe ridotto l’uso di metalli nella costruzione dei suoi motori, e sembra proprio che l’azienda abbia finalmente raggiunto tale obiettivo. Infatti il vendor ha recentemente presentato un nuovo motore ibrido sviluppato insieme alla società giapponese Daido Steel. Per l’assemblaggio di questo motore non sono stati utilizzati metalli rari come disprosio e terbio.

Bisogna tuttavia considerare che non tutti i metalli rari sono stati eliminati in quanto il device è ancora composto da  neodimio, ad ogni modo si tratta comunque di un buon inizio! Per il resto Honda ha scelto di utilizzare i magneti Daido Steel che non solo costano il 10% in meno dei metalli rari, ma sono anche l’8% più leggeri. Il risultato?! Una macchina che pesa meno e, di conseguenza, consuma meno.

Honda prevede di far debuttare i nuovi motori ibridi in autunno, con il lancio del minivan  Freed. Quindi, se siete interessanti ad acquistare una vettura green, il nuovo minivan della società potrebbe essere un’opzione da tenere assolutamente in considerazione!

Tags :Sources :Ubergizmo USA