Jabra Halo Smart, le cuffie con l’archetto fanno la differenza

Jabra Halo Smart

Jabra propone, già in preordine, le nuove cuffie Bluetooth Jabra Halo Smart. Si tratta di cuffie con un archetto da appoggiare sul collo ma del tutto innovativa è l'intepretazione che ne ha dato Jabra, ecco perché...

L’archetto in cui sono innestate le cuffie è modellabile a seconda della propria conformazione. E’ questo il primo plus offerto da Smart Halo. Non solo, proprio grazie all’archetto le cuffie ospitano una buona batteria per cui si potranno utilizzare per circa 17 ore effettive, senza l’ingombro tipico delle cuffie tradizionali ad arco sovraurali o On-Ear e circumaurali.

Jabra Halo Smart

Jabra Halo Smart

La ricarica avviene semplicemente con un’interfaccia microUSB, il solito cavetto con cui si ricaricano gli smartphone, non serve portarsi dietro nulla in più. E ancora, finalmente, non c’è più il problema dei cavi attorcigliati. Infatti la lunghezza è di circa 20 cm, non serve di più, le cuffie non si impigliano, e gli auricolari sono dotati di un magnete per cui possono essere tenuti appaiati davanti, ma anche agganciati all’archetto. Le cuffie si gestiscono poi con soli tre tasti (controllo volume +e – e accensione) e, volendo, l’app Jabra Assist, che non è indispensabile ma che ovviamente aggiunge caratteristiche interessanti.

Jabra Halo Smart

Jabra Halo Smart

E’ presente sulle cuffie un unico led, che indica lo stato di carica, funzionamento, accoppiamento Bluetooth (4.1) delle stesse. Tutto facile: si tiene premuto a lungo il tasto di accensione e si accoppiano le cuffie con lo smartphone. Un’ottima notizia è data dal fatto per cui è possibile tenere associati e attivi più di un device.

Noi per esempio abbiamo collegato contemporaneamente il nostro smartphone iOs e iPad, senza problemi. Chi utilizza le cuffie è guidato da una voce elettronica che, secondo l’azione compiuta, informa sullo stato delle cuffie, in lingua inglese: batteria bassa, cuffie in modalità connessione, cuffie connesse e disconnesse e cuffie spente. Impossibile non trovarsi a proprio agio. Il microfono delle cuffie è dotato di filtro antivento, l’abbiamo testato anche sui mezzi pubblici più rumorosi, senza problemi.

Le cuffie si possono indossare senza temere di rovinarle anche quando piove, e ovviamente con il tasto funzione sarà possibile accedere velocemente sia a Siri, sia a Google Now. E se non avete gli auricolari nelle orecchie, la vibrazione vi avverte comunque della telefonata in arrivo. Solo con Android è lasciata la possibilità di fare leggere alla voce elettronica delle cuffie i messaggi di testo, i nuovi post dai social e le notifiche dal calendario o dalla posta elettronica. Se si utilizzano in casa, con la portata di circa 10 metri si può tranquillamente pensare di lasciare lo smartphone sulla scrivania e godersi la musica dove si vuole, le cuffie sono discrete, pesano appena 38 grammi, e il form factor, dal punto di vista ergonomico merita la promozione a pieni voti. Nella confezione si trovano oltre agli auricolari premontati, altre due coppie in-ear, per il massimo confort.

Jabra Halo Smart - i tre pulsanti per gestire le cuffie

Jabra Halo Smart – i tre pulsanti per gestire le cuffie

Gli audiofili, giustamente, desiderano qualche informazione in più dal punto di vista tecnico.  Prima di tutto il tempo di ricarica completa delle cuffie è di circa due ore, durante le quali le cuffie sono inutilizzabili e mostrano il led di colore rosso. La banda di azione va da 50Hz ai 7 Hz e in questo modello Halo Smart la grandezza dello speaker è di 10 mm al neodimio per una sensibilità di 97 ±3dB /mW at 1 KHz e un’impedenza di 16 Ω.

I dati di targa per quanto riguarda la gamma di frequenza degli altoparlanti parlano di 20Hz fino a 20 kHz. Il microfono, omni direzionale, a condensazione ha una gamma di risposta in frequenza da 200Hz a 6.3 kHz. Bluetooth supporta i profili v1.2 , a mani libere  v1.6, A2DP v1.2 e AVRCP v1.4. Abbiamo già sottolineato la possibilità di tenere in memoria fino a 8 profili, con due profili in utilizzo contemporaneo allo stesso tempo (multiuse).

Facciamo un esempio concreto, per dare un’idea immediata della qualità complessiva della proposta. Il confronto tra le nuove Jabra Halo Smart con le urBeats in-ear vede le prime uscire vincenti per l’ergonomia complessiva e le soluzioni software disponibili, vincono le seconde – che costano circa 10 euro in più – per la risposta audio, che è inarrivabile, in questo segmento di prezzo. Delle prime non si può non apprezzare la possibilità di utilizzo con più di un device, e la lunga autonomia, entrambi aspetti che non è possibile rinvenire sulle seconde (che non sono Bluetooth e pertanto si possono utilizzare con un solo device alla volta). E’ possibile ordinare le cuffie sul sito di Jabra, al prezzo di 90 euro.

Tags :