Windows 10 diventa ad abbonamento per gli utenti business

skype-universal-windows-10-app-640x360

Una volta, i software si compravano come un qualsiasi prodotto: si pagava e si aveva il software desiderato. Le cose sono cambiate, ora, e gli sviluppatori stanno iniziando ad utilizzare sistemi ad abbonamento: l'utente paga l'abbonamento iniziale e i successivi aggiornamenti sono gratuiti in modo che l'utente non debba scegliere se passare o no alla versione più aggiornata del software.

Ora pare che anche Microsoft voglia passare a questo modello per Windows 10. La questione non riguarderà i singoli utenti, ma sarà destinata alle aziende di una certa dimensione. A partire dall’autunno, infatti, Microsoft dovrebbe lanciare Windows 10 Enterprise E3 per le aziende che è sostanzialmente una versione del suo ultimo sistema operativo pensata proprio per le esigenze di un’azienda che non dovrà più gestire i costi delle licenze.

Piuttosto, Microsoft permetterà alle aziende di pagare 7 dollari al mese per usare la piattaforma. Tuttavia, bisogna sottolineare che l’abbonamento va a postazioni, il che significa che i 7 dollari al mese non copriranno tutte le utenze di un ufficio, ma bisognerà attivare un abbonamento per ogni dipendente che dovrà usare Windows 10. Stando a quanto ha dichiarato Yusuf Mehdi, vice presidente del Windows and Devices Group di Microsoft, “al prezzo di una tazza di caffè e un donut al giorno, potete avere un livello di sicurezza adeguato ad un’azienda sulla base di abbonamenti singoli”.

Tags :Sources :ubergizmo usa