Tempi duri per Spotify, la colpa è di Apple Music

spotify-1-640x480

Prima dell'esordio di Apple Music e Tidal, Spotify è stato il re della musica in streaming. Ad ogni modo, considerando le statistiche, Spotify è ancora il leader del settore, anche se Apple, grazie alle sue connessioni nel settore e alle esclusive, non sta rendendo la vita facile alla popolare piattaforma.

Infatti Apple Music risulta la vera spina nel fianco di Spotify in quanto sta influenzando i negoziati tra la piattaforma e le maggiori etichette discografiche. Stando ad una notizia di Music Business Worldwide, Spotify non è più in grado di mantenere i contratti con le etichette a lungo termine, e ha dovuto necessariamente ripiegare su contratti a base mensile.

Ovviamente una delle ragioni è il denaro. Sembra infatti che Apple Music stia pagando il 58% delle sue entrate, quindi le etichette pretendono la medesima cifra anche da Spotify, o perlomeno un’offerta simile. Un problema serio, in quanto il vendor è riuscito ad avere più utenti paganti, ma solo diminuendo il costo degli abbonamenti!

Detto questo la news afferma che, nonostante le divergenze, i negoziati tra Spotify e le etichette discografiche restano ottimisti. Risulta dunque improbabile che le major ritireranno i brani dalla piattaforma. Come andrà a finire?! Per il momento il famoso servizio sembra aver incassato bene il colpo, il futuro?! Vi terremo informati!

 

 

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA