Dopo le polemiche, Facebook cambia il sistema dei suoi Trending Topics

Un paio di mesi fa, sono circolate voci sul fatto che gli inserzionisti fossero responsabili dell'inserimento di nuovi argomenti nella sezione Trending Topics del News Feed di Facebook e che fossero arbitrariamente nascoste notizie che riguardavano il partito conservatore.

Facebook, naturalmente, ha negato le accuse, ma ciò nonostante, ha passato gli ultimi mesi nel tentativo di limitare il danno e assicurarsi che i suoi utenti che si riconoscono nel partito conservatore statunitense non se ne andassero. A seguito della controversia sui Trending Topic, il social network ha deciso di apportare alcune modifiche.
Facebook, ha annunciato che la sezione Trending Topics sarà del tutto automatizzata e che non sarà più richiesto l’intervento umano per scrivere la descrizione delle news incluse nella sezione.
Non che l’intervento umano sia del tutto escluso, sia chiaro. Servirà, però, a tenere separati i TT più seri da quelli banali come #MondayBlues.

Gli editor potranno anche combinare diversi hashtag e keyword sotto uno stesso topic. Non scriveranno più le descrizioni dei TT, comunque: lo farà un algoritmo che esaminerà le notizie relative ad un determinato evento e le esaminerà selezionando ciò che va mostrato agli utenti che cliccano sul topic o ci passano sopra con il mouse.
Facebook ha ripetuto nell’annuncio di avere indagato sulle accuse rivoltegli e di non avere trovato prove che le avallassero. Tuttavia, la grossa novità che il social network sta introducendo è un modo per permettere alle persone di “accedere ad una vastità di idee e commenti riguardo ad una varietà di argomenti”.

Tags :Sources :ubergizmo usa