Ricercatori sviluppano dei “nano-pesci” per la somministrazione mirata dei farmaci all’interno del corpo- VIDEO

pesci

Le modalità tramite le quali consumiamo i medicinali potrebbero non essere necessariamente le più efficienti. Per questa ragione i ricercatori hanno sviluppato delle tecnologie per fornire farmaci solo a determinate parti del corpo, una procedura che rende la somministrazione più efficace, riducendo dosaggio ed effetti collaterali.

Detto questo, i ricercatori della UC San Diego hanno recentemente messo a punto un nuovo sistema di somministrazione mirata dei farmaci sotto forma di “pesci” basati sulle nanotecnologie. Ovviamente non si tratta di veri pesci, ma di device progettati con determinate caratteristiche proprie della fauna ittica, come la presenza di una testa e di una pinna caudale.

Questi “pesci” non sono alimentati da un motore ma dalla presenza di un campo magnetico oscillante, con evidenti vantaggi per quanto riguarda dimensioni e capacità di movimento. In ogni caso, vi sono anche degli aspetti negativi.

Uno di questi è che le componenti di questi dispositivi non sono biodegradabili, il che significa che l’uscita dal corpo potrebbe risultare piuttosto difficile. I “pesci” sono inoltre assemblati utilizzando metalli preziosi come oro e argento, non di certo economici. In ogni caso, si tratta di un progresso tecnologico decisamente sorprendente.

Tags :Sources :Ubergizmo USA