Potrebbe non essere stato il Galaxy Note 7 a scatenare l’incendio dell’auto

galaxy-note-7-jeep-fire-1-640x383

Questo è probabilmente uno dei peggiori momenti che Samsung abbia mai attraversato: non sono sono stati costretti a richiamare il Galaxy Note 7 per via delle batterie che esplodono, ma devono anche gestire tutta l'ondata mediatica negativa per non parlare delle conseguenze finanziarie di un richiamo. Ogni tanto, però, arriva una buona notizia.

Ricorderete che qualche giorno fa è emersa la notizia di un’automobile che ha preso fuoco per via dell’esplosione proprio di un Galaxy Note 7. La cosa aveva avuto un certo clamore, ma ora pare che non sia stato il telefono ad innescare l’incendio. La polizia è infatti convinta che le cause dell’incendio dell’automobile siano da ricercare altrove.

I vigili del fuoco di San Pietroburgo hanno diffuso un comunicato in cui scrivono: “Era stato detto che un Samsung Galaxy Note 7 si trovava nel veicolo al momento in cui ha preso fuoco e c’erano ipotesi per cui fosse stata quella la causa. Dopo un’attenta indagine, gli investigatori non hanno trovato la causa dell’incendio”. Nel comunicato si parla di “causa non determinata”.

La ragione è che “a causa della natura distruttiva dell’incendio e delle molteplici possibilità, non si possono escludere altre forme di innesco, quindi questa appare la classificazione più corretta”. Insomma, potrebbe essere stato il Galaxy Note 7 a innescare l’incendio, ma le possibilità sono talmente tante che non si può addebitare al dispositivo di Samsung tutta la responsabilità e senza dubbi. Non è esattamente una vittoria, per Samsung, ma poteva andare peggio.

Tags :Sources :ubergizmo usa