Spotify: finalmente il debutto in Giappone

spotify_desktop_transparent-768x622

Spotify è ormai disponibile in molti paesi da molto tempo, ma il Giappone è uno dei mercati nel quali la piattaforma non è stata resa disponibile, almeno fino ad oggi. L'azienda ha infatti annunciato che, a partire da giovedì, gli utenti giapponesi saranno in grado di iscriversi al popolare servizio di streaming musicale.

Come previsto, gli user potranno scegliere tra diverse opzioni. Questi ultimi potranno infatti optare per la versione gratuita che vedrà la presenza di annunci pubblicitari, o per la versione ad-free, che costerà ai clienti 980 yen al mese, circa 9,70 dollari. La piattaforma sarà inoltre lanciata con una nuova funzione che mostrerà le lyrics dei brani durante la riproduzione, questo in quanto per chi non lo sapesse, i giapponesi sono dei grandi fan del karaoke.

Nonostante i servizi di streaming musicale in Giappone non siano affatto una novità, Spotify sarà il primo di questi ad offrire ai clienti un livello gratuito, siamo dunque curiosi di vedere quale sarà la risposta del pubblico e, soprattutto, se il servizio riuscirà a tenere testa a competitor come Apple Music e Line, già operativi nel paese. Sottolineiamo inoltre che il Giappone, con il suo fatturato di 300 miliardi di yen l’anno, è il secondo mercato musicale del mondo. Il paese è inoltre molto affezionato alla musica in formato fisico (CD, vinili).

Parlando durante il lancio a Tokyo, il CEO di Spotify, Daniel Ek, ha dichiarato che il servizio porterà “2 milioni di artisti provenienti da tutto il mondo in Giappone, e porterà gli artisti giapponesi in tutto il mondo“.

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA