La Russia minaccia cyberattacchi sulle elezioni Usa e gli Usa rispondono: “Statene fuori”

hacking

Se state seguendo la campagna presidenziale statunitense (e se guardate i TG o leggete i siti di informazione è difficile che non ne sappiate proprio nulla) probabilmente avrete anche sentito parlare di minacce informatiche e della possibilità che la Russia tenti di hackerare i sistemi Usa per cercare di influenzare il voto.

Non è la prima volta che minacce di attacchi informatici volano tra i due rivali di sempre, ma questa volta pare che la minaccia sia più seria del solito e le autorità statunitensi stanno valutando contromisure da prendere.
Una fonte dell’intelligence statunitense ha riferito ad NBC News che la Russia potrebbe influenzare il voto lanciando dei sofisticati cyberattacchi che potrebbe minare l’intero processo. Tutto si basa sul fatto che negli Usa è in uso il voto elettronico.

Secondo il network televisivo, agenti della sicurezza informatica statunitense sono in grado di violare infrastrutture russe ritenute “critiche” nel caso in cui trovassero prove certe di cyberattacchi provenienti da Mosca nel tentativo di interferire “in modo significativo” con le elezioni. Tra le infrastrutture “critiche” si considerano la rete elettrica, le telecomunicazioni e i sistemi di comando.

Come questo avverrà, naturalmente, non è stato rivelato al pubblico. Tuttavia, le notizie suggeriscono che il governo Usa abbia fatto sapere alla Russia di restare fuori dalle elezioni.
Difficile dire quanto ci sia di vero e quanto di strategia comunicativa, ma le minacce della Russia sul voto statunitense esistono ed è naturale che, dall’altra parte, si studino delle contro misure per fronteggiare il possibile pericolo.

Tags :Sources :ubergizmo usa