Huawei Mate 9: hands on e recensione completa

huawei-mate-9-review_16

Huawei ha lanciato il suo smartphone di punta Mate 9 molto prima del previsto. Il suo precedessore, il Mate 8, è stato annunciato nel corso del CES 2016, è sta arrivando ora negli States. Il Mate 9 risulta essenzialmente una versione aggiornata del Mate 8 che mantiene tutte le caratteristiche che hanno fatto il successo del predecessore, migliorando però prestazioni, fotocamera, durata della batteria e interfaccia utente.

Quickspecs

Nota: Ci teniamo a sottolineare che siamo in possesso di un’unità do pre-release, il che significa che prima che il prodotto arrivi sugli scaffali, è probabile che la società decida di aggiornare il firmware.

batteria 4000 mAh
display FHD  da 5.9 pollici
USB-C
processore Kirin 960 , 64GB / 4GB

Ecco come Huawei sta lanciando il suo nuovo telefono:

Design Industriale

A prima vista il dispositivo è molto simile al telefono Mate 8 dello scorso anno, ma vi sono alcune differenze di progettazione, che si uniscono ai cambiamenti interni e a quelli a livello di software. Nella parte anteriore il telefono è leggermente più piccolo a causa delle nuove dimensioni del display da 5.9 pollici (nel Mate 8 erano 6). Nonostante la differenza visiva sia minima, il cambiamento si nota non appena si prende in mano il device. Infatti,  nonostante lo spessore sia rimasto lo stesso (7,9mm) il volume complessivo è diminuito.

Il modulo fotocamera nella parte posteriore è senza alcun dubbio il cambiamento più evidente. Ci troviamo infatti davanti ad un sistema a doppia fotocamera simile a quello introdotto con il Huawei P9: capacità di rilevamento della immagini aumentata, il tutto senza aumentare la profondità. Scenderemo nei dettagli relativamente alla fotocamera più avanti in questo articolo.

Huawei Mate 9 Porsche Design

huawei-mate-9-porsche-official

Come potreste sapere, Huawei ha lavorato con Porsche per lanciare un’edizione limitata dello smartphone equipaggiata con un display QHD da 5.5 pollici e bordi curvi. La limited edition dispone inoltre di 256GB si storage e 6GB di RAM. La Porsche Design edition potrà essere vostra al prezzo di 1395 euro.

Display (1080p, LCD IPS)

Con una diagonale di 5.9 pollici, il Mate 9 è uno dei pochi cellulari di fascia alta ad avvicinarsi ai 6 pollici di dimensioni dello schermo. In ogni caso l’azienda è rimasta salda sulle sue posizioni, utilizzando uno schermo FHD/1080p/1920×1080 al posto di un display QHD / Quad HD / 2560 × 1440 high PPI. La motivazione di questa scelta è da rintracciarsi nel fatto che una riduzione della risoluzione dello schermo porta ad una maggiore durata della batteria.

Fotocamera: dual-camera, migliorata

Dual-camera principale

huawei-mate-9-review_13

In termini di hardware, la configurazione dual-camera è diversa da quella del P9 (realizzato in partnership con Leica) in quanto il Mate 9 vanta due sensori e due lenti differenti, mentre nel P9 le componenti erano identiche. Con il Mate 9, continua la partnership di Huawei con Leica.

Color Camera: 12 Megapixel, f2.2, Optical Image Stabilization (OIS)
Monochrome Camera: 20 Megapixel, monochrome sensor (no RGB filter)

Huawei sostiene che la fotocamera in bianco e nero ha una risoluzione maggiore di quella a colori per poter effettuare lo “zoom ibrido.”  Ovvero una tecnica che si basa sul cropping del sensore, utilizzata da OEM del calibro di Sony. Si tratta di una modifica utile all’ingrandimento delle immagini, da non confondere però con uno zoom ottico. In ogni caso è noto come questo tipo di configurazione permetta effetti bokeh istantanei (bokeh si riferisce alla sfocatura degli oggetti fuori fuoco parte della scena).

In ottime condizioni di illuminazione il Mate 9 riesce a scattare ottime foto, decisamente all’altezza di smartphone concorrenti come il Pixel o il Galaxy S7 Edge, va tuttavia sottolineato che la fotocamera è incline agli effetti di abbagliamento quando di scatta in scene ad altro contrasto o la luce si trova alle spalle del soggetto.

Per quanto riguarda invece gli scatti in condizione di scarsa illuminazione, vi sono alcuni progressi evidenti rispetto il P9, ma si tratta ancora di un work-in-progress rispetto ai telefoni di punta della concorrenza. Le foto di seguito vi faranno capire di cosa stiamo parlando.

Come potete vedere, le foto scattate con l’S7 Edge sono più nitide, di qualità complessivamente superiore. Questo in quanto il Mate 9 scatta con tempo di esposizione di 1/4 sec, ISO 1250, e un’apertura F2.2, mentre l’S7 Edge utilizza un un tempo di esposizione di 1/10 sec, ISO 1000 e un’apertura F1.7.

Il telefono è anche in grado di riprendere video in 4K, mentre il P9 non disponeva di questa caratteristica. Pare inoltre che il Kirin 960 SoC (processore principale) vanti un Image Signal Processor e potenza complessiva di calcolo sufficienti per eseguire registrazione / trasformazione / compressione 4K in tempo reale. Di seguito una demo:

Tra i miglioramenti più evidenti abbiamo notato che la messa a fuoco automatica (AF), la velocità e la qualità sono notevolmente migliorate rispetto al P9, il quale era già stato pubblicizzato come (da questo punto di vista) il migliore in circolazione. Al momento le prestazioni AF del Mate 9 non corrispondono però a quelle dell’S7 Edge, dell’iPhone 7 o del Pixel. Il telefono regge tuttavia il confronto con iPhone 6s e il Nexus 6P, due dispositivi di buon livello.

Batteria (la migliore della classe)

huawei-mate-9-review_10

Con una batteria 4000mAh, il Mate9 si dimostra uno dei telefoni con capacità della batteria più estese tra i dispositivi Android di fascia alta (basti pensare al fatto che la batteria dell’S7 Edge è della qualità 3600mAh).

Huawei Super-Charge: fantastica

Huawei ha inoltre introdotto la sua tecnologia di ricarica rapida denominata Super Charge. L’azienda sostiene che tale tecnologia è in grado di caricare la batteria dallo 0 al 60% in soli 30 minuti, caricando completamente il telefono in soli 90 minuti. Si tratta di una velocità di ricarica nettamente superiore a quella della maggior parte dei telefoni top di gamma sul mercato.

Software

Il Mate 9 dispone di Android 7, ma non sembra compatibile con Google DayDream, la nuova esperienza VR introdotta da Mountain View durante la Google IO 2016.

EMUI 5.0

Oltre ad Android 7, Huawei sta utilizzando una nuova versione della sua interfaccia EMUI (EMotion UI).  Con EMUX 4.0 abbiamo scoperto che l’interfaccia di Huawei era abbastanza piacevole da utulizzare, ci aspettiamo dunque lo stesso risultato con la versione 5.0

Performance di sistema

Quickspecs: Kirin 960 SoC (4 x 2.4GHz cores + 4x 1.8 Ghz cores), 4GB RAM, 64GB storage. supporto grafico Vulkan . Il Mate 9  è dotato di un nuovo processore principale Kirin 960 (SoC) progettato da Hisilicon, una sussidiaria di Huawei. Il P9 era alimentato da un Kirin 950, e il miglioramento con il Mate 9 è, in questo caso, evidente.

Prestazioni grafiche di gioco (migliori, ma non ancora al top)

Huawei ha rivendicato un miglioramento del + 150% in ambito GPU (grafica di gioco) e prestazioni, ed è in gran parte vero. In alcuni benchmark, il miglioramento è addirittura superiore a quello segnalato, si tratta dunque di un risultato notevole.

Evita “l’erosione delle prestazioni”

L’erosione delle prestazioni è il fenomeno per il quale il telefono diventa più lento con il passare del tempo, si tratta di un fenomeno che, purtroppo, ha luogo con qualsiasi tippo di smartphone. Ad ogni modo, resettando la memoria, ogni telefono torna “scattante”.  Vi sono molteplici motivazioni alla base di questo fenomeno ma, fondamentalmente, l’intera questione ha a che fare con la gestione delle risorse. Ebbene, con il Mate 9, Huawei ha introdotto una soluzione al problema: utilizzando “Machine Learning” il telefono è in grado di identificare le applicazioni effettivamente utilizzate, dando la priorità a queste risorse. Mentre lo storage risulta abbastanza esteso (32-128GB), la memoria RAM è molto più limitata (3-4GB). Per estendere la RAM, il vendor utilizza una compressione di memoria, una tecnica già utilizzata da Huawei in passato su PC. A seconda del tipo dati, la compressione può risultare estremamente efficace

Conclusione: ideale per gli utenti incentrati sulla batteria

Il Mate 9 rappresenta una buona istantanea della rapida ascesa di Huawei. La società è ormai la più grande produttrice di smartphone del mondo dopo Samsung e Apple, e produce ad un ritmo sorprendente. Il Mate 9 è l’ideale per coloro che ricercano autonomia estesa e grandi capacità della batteria, senza spendere cifre esorbitanti. Dopo la batteria, e considerato il prezzo (749 euro), il secondo punto di forza è di certo la configurazione della fotocamera. In conclusione, Huawei ha alzato l’asticella, offrendo un prodotto unico.

Valutazione complessiva del prodotto: 8/10

 

QUIZ: Il primo telefono cellulare è stato lanciato nel 1970, ma fu messo in commercio nel 1980. Ora i telefoni cellulari sono essenziali per la vita di molte persone e per le imprese. Ma cosa sai di questi primi telefoni cellulari, dei “classici” nella storia della telefonia? Scoprilo cliccando qui.

 

 

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA