Inter Bee 2016: Adobe promuove il video editing 360/VR

adobe-premiere-vr-360-editing-interbee

Dopo aver annunciato l'editing VR in Adobe Premiere lo scorso aprile, Adobe ha introdotto formalmente la funzione qualche mese mese dopo, in primavera. In questo momento l'azienda sta partecipando all'Inter Bee 2016 di Tokyo, per mostrare  e promuovere l'editing VR in Giappone, un paese dove le telecamere a 360° hanno decisamente suscitato l'interesse dei professionisti.

Tutto ciò è stato rivelato durante l’Adobe Premiere Pro CC “Spring 2016 Update”: Adobe Premiere può supportare riprese “VR”  360 nei suoi progetti e supporta lo standard per i formati video 360, incluso stereo VR (flussi sinistra/destra). All’interno dell’interfaccia di editing sono stati aggiunti nuovi strumenti per permettere all’editor di accendere la telecamera 360 in ogni posizione, così da poter controllare il video da più angolazioni.

In ogni caso il video editing VR può risultare difficile in quanto, in un contesto 2D, per l’editor è molto più facile vedere tutta l’azione. Quando si lavora ad un video VR 360, il monitor della postazione di lavoro può mostrare solo una frazione dell’azione totale. Allo stesso tempo, l’utente finale può guardare ovunque voglia, quindi il video deve risultare perfetto da ogni angolazione.

Nel corso dell’Inter Bee, Adobe ha mostrato queste nuove funzionalità ad una folla di professionisti del settore video. Fino ad ora, per quanto riguarda il Giappone, la “proliferazione” delle telecamere 360 è stata molto rapida. Certo, i pacchetti software sono ancora un po’ arretrati, fattore che ha frenato l’espandersi di questa tecnologia, ma le cose dovrebbero presto migliorare.

Infine, dal momento che le principali piattaforme (come YouTube) supportano i video 360, Adobe ha integrato un’opzione di export diretto su YouTube, pensata per tutti coloro che preferiscono automatizzare il processo.

 

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA