Samsung disattiverà tutti i Galaxy Note 7 ancora attivi

galaxy-note-7-design_27-front-640x359

Samsung ha fatto di tutto per convincere gli utenti a restituire il Samsung Galaxy Note 7, dati i problemi di sicurezza. Ha offerto incentivi per passare ad altri dispositivi ed ha facilitato il processo di restituzione organizzando punti di raccolta negli aeroporti, ha ridotto l'autonomia della batteria, ma c'è ancora uno zoccolo duro di utenti che proprio non ne vuole sapere il che significa che ci sono ancora dei Note 7 in circolazione.

In Australia e Nuova Zelanda, gli operatori di telefonia mobile hanno annunciato che disconnetteranno i Galaxy Note 7 dalla propria rete e ora Samsung Canada fa sapere che disattiverà da remoto i Note 7 che non sono stati restituiti e secondo quanto riporta The Verge, la stessa decisione potrebbe essere presa a breve anche da Samsung Usa. La notizia si basa sulla notifica ricevuta da un utente sul proprio Note 7. La notifica riporterebbe: “A partire dal 15 dicembre prossimo, Samsung modificherà il software per impedire al Galaxy Note 7 di ricaricarsi. Il telefono non funzionerà più”.

È un po’ diverso da quanto ha fatto l’azienda in altri paesi dove ha mandato aggiornamenti che limitavano l’autonomia della batteria al 60% di ricarica massima. Questo messaggio dice chiaramente che i Note 7 statunitensi non funzioneranno più perché non potranno più essere ricaricati.
Samsung non ha voluto commentare la notizia, ma la cosa non sorprende più di tanto. Del resto, non è molto diverso da quanto accaduto in Australia, ma senza passare dagli operatori della rete cellulare.

Tags :Sources :ubergizmo usa