Un uomo parla in Klingon al figlioletto per i suoi primi tre anni per fare un esperimento


d'Armond Speers (che non è quello della foto) non è proprio un fan scatenato di Star Trek. La ragione per cui ha parlato al figlio in Klingon durante i primi tre anni della sua vita è che voleva capire come funziona il processo di acquisizione di un linguaggio da parte di un bambino.
"Ero interessato a capire se mio figlio, controllando il processo di acquisizione del suo primo linguaggio, lo avrebbe acquisito proprio come sarebbe successo con una lingua umana - ha dichiarato l'uomo -. E decisamente, ha iniziato ad impararla".

E’ interessante che abbia voluto verificare di persona come vengono appresi i linguaggi, meno interessante che lo abbia fatto usando suo figlio come cavia. Possibile che non abbia pensato che avrebbe potuto ostacolare l’inserimento e lo sviluppo sociale del bambino facendolo concentrare su una lingua che nessuno parla comunemente? Siamo decisamente favorevoli all’idea di insegnare ai bambini delle lingue straniere fin da subito, ma che siano almeno lingue parlate su questo pianeta, per favore!

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :