Microsoft resta in Cina solo per fare un dispetto a Google, parola di Brin


Tutti sono stati tirati in causa nella guerra tra la Cina e Google, soprattutto le aziende statunitensi. S'è rischiato (e si rischia ancora) perfino l'incidente diplomatico. Ma la Cina, non ce lo dimentichiamo mai, conta un miliardo e mezzo di abitanti. Avete presente cosa vuol dire in termini di mercato? Questa è, probabilmente, la ragione per cui alcune aziende (compresa Google, fino a qualche mese fa, se qualcuno si fosse distratto) hanno deciso di fare buon viso a cattivo gioco sul problema della censura di Stato. Microsoft, ad esempio, ha liquidato la questione per bocca di Bill Gates in persona secondo il quale la censura cinese in realtà "è molto limitata".

Sergej Brin
, papà (o mamma?) di Google, ha detto di essere "molto deluso" dalla scelta di Microsoft ed è passato al contro attacco. Secondo Brin la presenza e l'operato di Microsoft in Cina è contrario ai diritti umani e alla libertà d'espressione. Di fatto, Brin è convinto che Microsoft si renda responsabile di tutto questo al solo fine di andare contro la politica di Google.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :