Anche la Libia blocca Facebook durante la rivolta popolare


Come già era successo in Tunisia e in Egitto, il governo libico, guidato dal generale Gheddafi, ha bloccato l'accesso a Facebook per gli abitanti di Tripoli, e sporadicamente impedisce l'accesso all'intera Rete da tutto il Paese. Ancora una volta, i regimi totalitari dimostrano tutta la loro debolezza davanti alla libertà di comunicare delle persone e, naturalmente, Gheddafi teme che anche a lui tocchi lo stesso destino capitato a Ben Ali prima e a Mubarak dopo. E le voci che circolano per il momento gli danno ragione, dato che, secondo alcune fonti sarebbe già in fuga. (c.c.)
[Fonte: Gizmodo USA, foto: Repubblica.it]

Tags :