La polizia potrebbe usare un software per prevedere e prevenire i crimini


Potrebbe essere una puntata di Numb3rs e invece succede davvero. La polizia di Santa Cruz sta provando sul campo un software in grado di fermare i crimini prima ancora che si verifichino. Non predice, chiaramente, chi commetterà il crimine, ma prova a prevedere dove un reato sarà consumato.
Il programma √® stato scritto da George Mohler dell'Universit√† di Santa Clara e usa i siti dei crimini dei giorni precedenti per individuare le potenziali scene dei prossimi reati. La logica, pi√Ļ o meno, √® questa: un furto in una zona tende a innescare una serie di altri furti nei giorni a seguire. Pare che questo software abbia gi√† dimostrato una buona efficacia: in media ha previsto il luogo e l'ora del 25 per cento di furti casuali verificatisi in una specifica area di Los Angeles in determinati giorni tra il 2004 e il 2005 e per farlo ha usato solo i dati dei furti dei giorni precedenti.

Il programma √® pensato per definire 10 aree in un perimetro di 150 metri quadri per tre differenti tipi di crimini (furti in appartamento, furti d’auto, svaligiamento d’auto) e a quel punto la polizia stabilisce le pattuglie in base alla previsione del software. L’idea √® che con la polizia in giro in forze, i criminali siano scoraggiati dall’entrare in azione. (c.c.)
[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :