6 italiani su 10 entrano in banca tramite i social network

banche

Social Minds ci racconta su quanto sia social la banca in Italia. Quasi la metà degli italiani intervistati ha contattato la propria banca tramite Facebook o Twitter.

Le banche italiane sono, quindi, sempre pi√Ļ social e, quanto pare, agli italiani la cosa piace.

Nello studio pubblicato da Social Minds e intitolato ‚ÄúLa tua banca √® social?‚ÄĚ, √® emerso che sei italiani su dieci entrano in banca dai profili sui social network.

Quasi la met√† degli italiani intervistati, infatti, ha contattato la banca via Facebook, un quinto attraverso Twitter, una minoranza ‚Äď ma comunque significativa ‚Äď tramite comunit√† online ad accesso riservato.

Ma scendiamo pi√Ļ nel dettaglio: il 44% degli intervistati ha conversato con la sua banca via Facebook; il 20% attraverso Twitter; il 12% tramite la community online ad accesso riservato.

Ma quello di Social Minds non √® l’unico rapporto a raccontare questa realt√†.

Lo scorso ottobre, KPMG, con la collaborazione di Decisyon/ECCE, ha fotografato la presenza delle 21 banche italiane presenti nei social (banche tradizionali, banche online/digitali, operatori atipici), stilando il report ‚ÄúSocial Banking 2.0‚ÄĚ.

Da questa ricerca risulta che le banche sui social media hanno registrato un boom del 90% di fan su Facebook e del 180% di follower su Twitter.Nel 2014 il numero in aumento di fan e follower è quasi raddoppiato rispetto allo scorso anno.

Insomma, se le filiali perdono centralità fra le nuove generazioni di clienti, acquistano invece rilevanza gli altri canali, come internet, mobile e social network.

Twitter di recente si è alleata a una banca francese, il Groupe BPCE, il secondo istituto bancario d’oltralpe per numero di clienti, per trasferire denaro con un Tweet.

Tags :Sources :Itespresso