Facebook e Twitter vogliono attirare gli youtuber sulle loro piattaforme

Di certo, alcuni utenti di YouTube operano anche su Facebook, Twitter, Snapchat e Instagram, ma nella maggior parte dei casi, quando si tratta di contenuti di un certo genere, prediligono YouTube e non è difficile capire il perché di questa scelta degli youtuber: i soldi.

Questo perch√© se da un lato caricare un video su Facebook pu√≤ essere pi√Ļ efficace per mostrarlo ai propri fan, non esiste alcuna forma di remunerazione legata ai contenuti video su Facebook. Almeno finora, perch√© una notizia riportata da Bloomberg, sia Facebook che Twitter stanno cercando di convincere gli youtuber pi√Ļ famosi a condividere i loro video sulle due piattaforme garantendo loro un introito.

Questo √® stato confermato da entrambe le aziende. Il responsabile delle partnership sui contenuti di Twitter, Mike Park, ha fatto sapere che l’azienda sta programmando un programma che si chiama Amplify e che prevede, appunto, degli introiti per i video: Twitter terr√† per s√© il 30 per cento mentre il resto andr√† all’autore del contenuto in questione. Facebook, invece, sta pensando a qualcosa di differente.

Questo, secondo Bloomberg, perch√© la pubblicit√† mandata in pre-roll sui video in autoplay pu√≤ essere saltata dagli utenti ed √® un rischio che l’azienda non vuole correre. Facebook, invece, sta pensando ad un sistema che metta pi√Ļ a loro agio i creatori dei video, almeno secondo quanto ha dichiarato Fidji Simo, responsabile dei contenuti video per il social network di Zuckerberg.
Gli sforzi dei due social netowrk avranno successo? Solo il tempo potrà dircelo, naturalmente, ma nel frattempo sarebbe interessante sapere cosa ne pensano gli youtuber.

Tags :Sources :ubergizmo usa